Salta al contenuto

Sostegno per la famiglia

Azioni e attività

La Regione sostiene le famiglie favorendo lo sviluppo di reti familiari più ampie per la permanenza a domicilio della persona anziana e curando iniziative di informazione e formazione per familiari. 

E' attivo il Programma regionale SiConTe dedicato a fornire orientamento in tema di conciliazione tra tempi lavorativi e tempi dedicati alla cura dei propri cari, che si articola in sportelli attivi sul territorio in collaborazione con i servizi al lavoro regionali. 

Continuano anche nel 2018 le attività del Programma regionale SiConTe che, nell’intento di promuovere la permanenza delle donne nel mondo del lavoro, si propone di fornire orientamento e sostegno in tema di conciliazione tra tempi lavorativi e tempi dedicati alla cura dei propri cari.

L’allungamento della vita lavorativa si riflette infatti sul doppio – e talvolta triplo – ruolo che le persone, e soprattutto le donne, svolgono all’interno delle reti familiari (lavoratrici, madri, nonne, caregiver per persone anziane): SiconTe, che si articola in sportelli attivi sul territorio in collaborazione con i servizi al lavoro regionali, offre un servizio di analisi dei bisogni e di accompagnamento nella ricerca di soluzioni personalizzate e ‘su misura’, compreso il supporto all’eventuale scelta di avvalersi  dell’aiuto di collaboratori o collaboratrici familiari.

Per maggiori informazioni:

Il Servizio di assistenza domiciliare e il  Fondo per l'Autonomia Possibile supportano le famiglie e le persone anziane nel contesto domiciliare più a lungo possibile .

L' Amministratore di Sostegno ed i Servizi di teleassistenza e di telesoccorso domiciliare si inseriscono nel quadro delle iniziative di sostegno alle famiglie realizzate in sinergia con gli Ambiti distrettuali per l’ottimale fruizione dei servizi alla domiciliarità. 

Per maggiori informazioni:

L'associazionismo familiare è promosso attraverso l’individuazione e il finanziamento di progetti volti a favorire l’autorganizzazione di servizi a sostegno dei compiti familiari, educativi e di cura e a promuovere la rete di scambio sociale tra le famiglie. In particolare, si sostengono progetti con attività riguardanti lo scambio e la relazione fra generazioni e progetti sperimentali proposti da associazioni e reti di famiglie caregiver.

Per maggiori informazioni:

 

News / Eventi in evidenza

1 Ottobre: giornata internazionale dell’anziano

dal 05 settembre 2018  al 10 ottobre 2018
Regione FVG
1° Ottobre: giornata internazionale dell’anziano

Ad oggi i censimenti registrano quasi 700 milioni di persone sopra i 60 anni e si prevende che entro il 2050 questo numero cresca a 2 miliardi, più del 20% della popolazione mondiale.

Al Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite del 2014, i governi mondiali hanno riconosciuto l’esistenza di una forma di discriminazione rivolta all’anziano, denominata ageism. Questo atteggiamento viene troppo spesso tollerato e considerato accettabile, invece di essere combattuto.

Tale forma di discriminazione si presenta in forme diverse in tutte le società ed influenza negativamente non solo la vita privata degli anziani ma anche quella lavorativa. Si creano così ambienti dove le potenzialità di queste persone vengono limitate, portando a conseguenze negative anche per la salute.

L’insuccesso nel contrastare questi pregiudizi ha portato ad una scarsa considerazione dei diritti dell’anziano. Per questa ragione, il 14 dicembre 1990, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito la Giornata Internazionale dell’Anziano (United Nations Day for Older People - UNIDOP) ogni 1° ottobre e, nel 1991, ha adottato i Principi per le Persone Anziane. Il dibattito riguardo il miglioramento dell’invecchiamento attivo è costante dal 1982 su scala mondiale.

Quest’anno si commemora il 70esimo anniversario della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo. Per questa ragione l’UNIDOP 2018 si concentra sul tema “Celebrating Older Human Rights Champions”, perché l’invecchiare non deve portare alla diminuzione della propria dignità o alla perdita dei propri diritti. Si ricorderanno le maggiori personalità che si stono distinte nella difesa dei diritti umani e che sono nate a poca distanza dal 1948, anno di sottoscrizione della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo.

Per il corrente anno gli obiettivi sono quattro:

  • promuovere i diritti delle persone anziane; dare visibilità alla partecipazione attiva delle persone anziane nella vita di comunità;
  • riflettere sui progressi e sulle sfide che si incontrano nel voler assicurare eguali libertà e diritti;
  • condurre una campagna di sensibilizzazione ed impegno contro l’ageism.

Per maggiori informazioni: